Divieto Euro 0 Anello Ferroviario


Cari amici motociclisti,

il Comune di Roma sa benissimo, e non da ieri, che le moto 4 Tempi Euro 0 (cioè quelle non conformi ai valori stabiliti dalla direttiva europea  97/24/CE e successive) inquinano poco e soprattutto rilasciano in atmosfera quantità trascurabili di particolato fine, comunemente conosciuto con la  sigla PM10. Lo sa, o dovrebbe saperlo, perché questo è quanto afferma uno studio realizzato nel 2005 da ENEA e ACEA su commissione del Dipartimento  X - U.O. VI -Prevenzione Inquinamento Atmosferico ed Acustico. Lo studio, piuttosto articolato e ricco di grafici ed informazioni, dimostra e afferma  in maniera inequivocabile che i motori a 4 tempi, anche se di vecchia generazione (cioè Euro 0) e di cilindrata medio-alta, producono basse  emissioni di PM10, in qualche caso di entità trascurabile, comunque SEMPRE ben al di sotto di quelle dei motori Diesel Euro 4 e dei Due Tempi Euro 1/Euro 2. Nonostante ciò, le moto 4T Euro 0 non possono entrare né cicolare all'interno dell'Anello Ferroviario, diversamente dai ben più inquinanti 2T  Euro 1/Euro 2 e Diesel Euro 4.

Data la determinazione dimostrata nel voler dare piena applicazione al provvedimento nonostante il suo evidente carattere inutile ed iniquo, sorge  il legittimo dubbio che in Campidoglio, dopo aver commissionato - e presumibilmente pagato - uno studio specifico sulle emissioni di particolato  dei veicoli a due ruote, nessuno si sia peritato di andare a vedere quali risultati abbia prodotto. In compenso lo hanno messo a disposizione dei  cittadini, pubblicandolo, seppure un po' nascosto e non facilmente individuabile, in un angolo remoto del sito ufficiale del Comune di Roma.

Ma ora si avvicina l'elezione del Presidente e del Consiglio della Regione Lazio e noi non mancheremo di far avere agli esponenti dell'attuale  amministrazione capitolina copia del finora ignoto/ignorato rapporto ENEA.

PER QUESTO MOTIVO ABBIAMO ORGANIZZATO UN INCONTRO CON SAMUELE PICCOLO, CONSIGLIERE COMUNALE DI MAGGIORANZA (il più votato alle ultime elezion/i comunali), CHE HA GIA' DATO LA SUA DISPONIBILITA' A PERORARE LA NOSTRA CAUSA CHIEDENDO IL RITIRO DELL'ORDINANZA  DELL'ASSESSORE DE LILLO.

E' DI FONDAMENTALE IMPORTANZA CHE ALL'INCONTRO SIANO PRESENTI I RAPPRESENTANTI DEI MOTOCLUB ROMANI, IN MODO DA MOSTRARE CHE SIAMO COMPATTI E DETERMINATI IN QUESTA BATTAGLIA.

L'APPUNTAMENTO E' PER  *** VENERDI'  19/02 DALLE ORE 18:30 *** IN VIA CASILINA 1805 (BORGHESIANA)

* ATTENZIONE: QUESTO INCONTRO NON HA ALCUN FINE DI PROPAGANDA POLITICA A

FAVORE DI ALCUNO. *

 

Eccovi i link dove potrete trovare e scaricare le due relazioni ACEA sulle

emissioni di PM10 dei veicoli a due ruote:

 

Rapporto fase 1

http://www.comune.roma.it/was/repository/ContentManagement/node/N1756611749/ENEA_%20Emissioni%202%20ruote.pdf

 

Estratto rapporto finale

http://www.comune.roma.it/was/repository/ContentManagement/node/P1230534754/ENEA_EMISSIONI_2RUOTE.PDF

 

 

A presto,

Riccardo Forte

Presidente Coordinamento Motociclisti

Articolo del 13/02/2010 di Mauro Elefante